Il callo e la mente

«Se la salute mi ride e la serenità di un bella giornata, eccomi amabile; se ho un callo che mi fa dolere l’alluce, eccomi corrucciato, stizzoso e intrattabile», così scriveva il filosofo Michel de Montaigne nel Cinquecento.

Perché Michel, nella biblioteca del suo castello vicino a Bordeaux, capiva benissimo che si può filosofeggiare quanto si vuole, ma nulla si può contro il dolore di un callo al piede, finché non si toglie. E ci metteva di fronte al nostro totem ossia il nostro corpo, la nostra materia: la mente può essere intelligenza, ironia, dignità, sapienza, ma nulla può contro il corpo che invecchia, soffre, pulsa, con il doloretto insidioso o l’occhio di pernice sul mignolo del piede. Noi spesso ci dimentichiamo della corporeità, eternamente giovani ed efficienti, anche se con una dimensione migliore di quella dei tempi di Montaigne, quando a quarant’anni si era vecchi e con un piede nella fossa.

Anche lo spessore dei sensi era diverso. Vogliamo parlare dell’olfatto? Una società, fino a pochi decenni fa, non ancora nell’era dei saponi liquidi e dei deodoranti spray, nella quale i corpi emanavano “odori” animali, come ci ricorda il visionario romanzo di Patrick Süskind Il profumo con quell’incipit vorticoso di odori corporei: «Il contadino puzzava come il prete, l’apprendista come la moglie del maestro, puzzava tutta la nobiltà, perfino il re puzzava, puzzava come un animale feroce, e la regina come una vecchia capra, sia d’estate sia d’inverno. Infatti nel diciottesimo secolo non era stato ancora posto alcun limite all’azione disgregante dei batteri; e così non v’era attività umana, sia costruttiva sia distruttiva, o manifestazione di vita in ascesa o in declino, che non fosse accompagnata dal puzzo».

Se la corporeità olfattiva l’abbiamo superata a forza di saponi e spray, difficilmente la mente riesce ad annullare la corporeità. Anche Platone si sedeva sul suo rudimentale “gabinetto” e  questo ce lo rende più umano. Infatti, scriveva ancora Montaigne, «gli organi che servono a  scaricare il ventre hanno le loro proprie dilatazioni e contrazioni, oltre e contro il nostro volere». Hai voglia a filosofare, alla contrazione non si sfugge.

La stessa cosa era l’impulso sessuale, represso da secoli di morale religiosa e non: per secoli era stato considerato peccato tutto quello che non fosse pura procreazione (e anche in questo caso per dare un’anima a Dio). Quando ne La Mandragola frate Timoteo, il frate truffaldino, vuole convincere la virtuosa Lucrezia a “giacere” con uno sconosciuto, le dice che se fosse rimasta incinta avrebbe dato un’anima a Dio e quindi non avrebbe peccato. Tutto il resto era da reprimere, a tutti i costi, con l’acqua fredda e impacchi di aceto. E quando finalmente succedeva subentrava, per il maschio, l’ansia da prestazione, il non accettare la propria corporeità con pregi e difetti. Gli amanti, scrive ancora il nostro filosofo Montaigne, «avendo tutto il tempo a loro disposizione, non devono affrettare la loro impresa né tentarla se non sono pronti. Piuttosto che cadere in una perpetua miseria, per essere rimasti sgomenti e disperati del primo fallimento, attendere l’una o l’altra occasione meno agitata». Ecco che il tormento, l’indecisione e il “fallimento” vengono svuotati del loro significato negativo e diventano gestione del proprio corpo.

In fondo qual è il nostro difetto maggiore? «La più bestiale delle nostre malattie è disprezzare il nostro essere». Parola di Montaigne. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti anche

balance rock decors

Cos’è il Qì Gōng

Per i cinesi, l’essere umano vive, contemporaneamente, su tre livelli d’esistenza: psichico, emozionale-sensoriale e fisico. In quest’ottica, una persona che si ammala non rappresenta soltanto un corpo che smette d’espletare le sue normali funzioni.

Leggi tutto »

Simbologia del sogno: animali guida

Il sogno è un fenomeno psichico che avviene nello stato di sonno, quando si dorme. Ma non è solo questo: si può sognare a occhi aperti, quando la nostra coscienza si proietta in una dimensione parallela, dove esistono ed emergono i nostri desideri, quelli che risiedono in profondità dentro di noi… Tuttavia i sogni sono anche molto più che questo!

Leggi tutto »

Perché il suono “guarisce”?

Dire che la musica ha da sempre avuto un ruolo fondamentale nella mia vita, non rende neppure lontanamente l’idea dell’importanza che la sua influenza ha avuto su di me e sulla persona che sono oggi. Del resto, ho sempre cantato da che mi ricordi, ore ed ore trascorse a cantare o a suonare: era il mio rifugio, l’unico modo che avevo per lasciar fluire quell’immensa quantità di emozioni che, per la bambina ipersensibile che ero in mezzo a tutto quel caos, erano davvero troppe. 

Leggi tutto »