Imparare a lasciare andare attraverso la meditazione

La vita è un flusso costante di esperienze: alcune sono meravigliose, molte altre ordinarie e alcune difficili da affrontare. 

Quando ci ritroviamo a vivere quest’ultimo tipo di esperienze, che spesso ci lasciano con l’amaro in bocca, la nostra mente non vuole saperne di passare oltre. Rivisita e rivaluta tutti gli errori, analizza ogni più piccola sfumatura e riavvolge il nastro nella speranza che tutto possa tornare come prima.

E, così facendo, ci condanna a una vita di rimpianti e rimorsi. 

Che si tratti di una relazione finita, di un lavoro perso, di un’amicizia tradita… ciò che non ha funzionato per noi sembra tormentarci e infestare i nostri pensieri.

Per questo una delle abilità più preziose che possiamo sviluppare è quella di imparare a lasciare andare. 

Perché lasciare andare è importante

Uno dei concetti fondamentali del buddismo è l’impermanenza, nota anche come “anitya”. 

Questo principio sottolinea che tutto ciò che esiste, sia materiale che immateriale, è soggetto al cambiamento costante. 

Niente è permanente o immutabile, e questa realizzazione è fondamentale per comprendere la natura della sofferenza umana. 

L’impermanenza ci invita a osservare attentamente la natura transitoria delle nostre esperienze, delle relazioni e perfino dei nostri stessi stati mentali. 

Questa consapevolezza dell’impermanenza ci aiuta a coltivare una maggiore accettazione della realtà e arrivare a una sorta di “liberazione interiore”, poiché ci insegna a non affezionarci eccessivamente a ciò che è destinato a cambiare. 

Molte volte nella vita ci aggrappiamo a rancori, risentimenti e dolori del passato. 

«Perché dovrei perdonare?» ci diciamo. «Dopotutto, quella persona mi ha fatto del male. Non merita il perdono».

Oppure: «Non posso lasciare andare. Quello che ho perso è troppo importante». 

In questo ragionamento dimentichiamo però un punto fondamentale: il perdono, il lasciare andare, non serve affatto agli altri. Serve a noi stessi. Per alleggerirci e smettere di vivere in un passato che non può essere cambiato. 

Questi pesi emotivi hanno un impatto negativo non indifferente sulla nostra salute mentale e fisica. Alla lunga, ci portano a diventare persone che non sono più in grado di godersi il presente o lasciarsi andare alle nuove esperienze.

Lasciar andare non significa dimenticare o giustificare le azioni degli altri, ma piuttosto liberarci dalla prigione di emozioni negative nella quale ci siamo rinchiusi. 

Il passato resta come una lezione preziosa o un ricordo piacevole, ma non deve mai diventare il nostro presente. 

Immagina di camminare in montagna con un pesante zaino colmo di sassi sulle spalle: sai che devi raggiungere la vetta, ma questi sassi ti rallentano. Non sarebbe più facile liberartene e facilitare il tuo cammino? Sembrerebbe la soluzione più logica. Eppure, ciò che la maggior parte di noi decide di fare è portarsi dietro questo fardello per una lunga, interminabile salita. Ci torturiamo pur di non accettare che il passato è passato.

Il perdono, sia per gli altri che per noi stessi, è una forma suprema di lasciar andare. La meditazione ci offre gli strumenti per abbracciare questo processo di perdono e guarigione.

Lasciar andare con la meditazione: la gentilezza amorevole

Mettā bhāvanā, o meditazione della gentilezza amorevole, è da sempre la mia pratica meditativa preferita per imparare a lasciare andare. 

Affonda le sue radici nella tradizione buddista e mira a coltivare il sentimento di amorevole gentilezza (mettā) verso tutti gli esseri senzienti. 

Questa pratica è stata insegnata dal Buddha stesso come un modo per superare le barriere dell’odio, del risentimento e del giudizio, promuovendo invece la compassione e la comprensione universali.

Come si pratica Mettā bhāvanā

La pratica di Mettā bhāvanā è suddivisa in diverse fasi, ognuna delle quali si concentra su un gruppo di individui, progressivamente allargando il cerchio della gentilezza amorevole.

  • PRIMA FASE: TE STESSO. Inizia sedendoti in modo confortevole e concentrandoti sulla tua respirazione. Poi, rivolgi un sentimento di gentilezza amorevole a te stesso, ripetendo mentalmente frasi come: «Che io sia felice. Che io sia in salute. Che io sia libero dalla sofferenza». Questo passo serve a coltivare l’amore e la compassione per te stesso. Se non sei una persona che nutre particolare amor proprio, potrebbe aiutarti a ricordare momenti in cui ti sei sentito sinceramente amato nella tua vita. Puoi persino usare la fantasia per immaginare questi momenti, anche se non sono avvenuti nella realtà. L’importante è risvegliare il sentimento. 
  • SECONDA FASE: UN CARO AMICO. Successivamente, rivolgi la gentilezza amorevole a un amico molto vicino a te o a un famigliare, ripetendo le stesse frasi («Che tu sia felice. Che tu sia in salute. Che tu sia libero dalla sofferenza»).
  • TERZA FASE: UNA PERSONA NEUTRALE. Estendi ora la tua gentilezza a una persona che non conosci bene, qualcuno che non ti è né amico né nemico. Potrebbe essere il cassiere del supermercato, un conoscente, un collega di lavoro.
  • QUARTA FASE: UNA PERSONA CHE NON AMI. Questa è la fase più difficile e che davvero ci aiuta a rinforzare il muscolo del perdono. In questa fase, sfida te stesso a rivolgere la gentilezza a una persona che non ti piace, che potresti considerare un nemico o con cui hai avuto dei conflitti. Potrebbe addirittura essere la persona che non riesci a lasciar andare o perdonare. Questo passo è particolarmente potente, poiché ti aiuta a superare l’odio e il risentimento. Per quanto ti sembri difficile, ripeti le frasi anche per lui o lei. «Che tu sia felice. Che tu sia in pace. Che tu sia in salute».
  • QUINTA FASE: TUTTI GLI ESSERI VIVENTI. Infine, estendi la gentilezza amorevole a tutti gli esseri senzienti, senza eccezioni. Visualizza un’espansione infinita del tuo amore e della tua compassione che abbracciano l’intero universo.

Questo processo è una pratica profonda e trasformativa. 

Man mano che pratichi questa meditazione (e ti consiglio di farlo ogni giorno se sei una persona che fatica a lasciar andare), sentirai un cambiamento potente dentro di te, un allentamento delle tensioni emotive e una crescente sensazione di connessione con gli altri.

Altri consigli di meditazione per lasciare andare e perdonare

Oltre a Mettā bhāvanā, ci sono altre tecniche di meditazione che possono aiutarti a lasciare andare e perdonare. 

La meditazione della consapevolezza (mindfulness), in cui osservi i tuoi pensieri e le tue emozioni senza giudizio, può darti una prospettiva più chiara su ciò che stai trattenendo. 

Anche la meditazione camminata, praticata lentamente e consapevolmente, può aiutarti a connetterti con il mondo intorno a te e a sciogliere il peso delle preoccupazioni.

Conclusione

Lasciare andare è un atto di liberazione che può portare pace e felicità nella nostra vita.

Attraverso la pratica regolare della meditazione e l’introspezione, possiamo imparare ad accogliere il presente con un cuore aperto, sapendo che il passato non ci definisce. 

Lasciare andare non è affatto un segno di debolezza, ma di infinita saggezza. È uno dei più grandi regali che possiamo fare a noi stessi.

Autore

  • Kira Vanini

    Kira ha dedicato la sua vita alla ricerca della serenità. Pratica la meditazione da più di trentacinque anni e trasmettere questa meravigliosa pratica al prossimo è il suo scopo, la sua passione e il suo orgoglio. Nel 2016 ha fondato il sito web meditazionezen.it con lo scopo di rendere la meditazione accessibile e comprensibile a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero interessarti anche

Perché il suono “guarisce”?

Dire che la musica ha da sempre avuto un ruolo fondamentale nella mia vita, non rende neppure lontanamente l’idea dell’importanza che la sua influenza ha avuto su di me e sulla persona che sono oggi. Del resto, ho sempre cantato da che mi ricordi, ore ed ore trascorse a cantare o a suonare: era il mio rifugio, l’unico modo che avevo per lasciar fluire quell’immensa quantità di emozioni che, per la bambina ipersensibile che ero in mezzo a tutto quel caos, erano davvero troppe. 

Leggi tutto »

Imparare a lasciare andare attraverso la meditazione

La vita è un flusso costante di esperienze: alcune sono meravigliose, molte altre ordinarie e alcune difficili da affrontare. 

Quando ci ritroviamo a vivere quest’ultimo tipo di esperienze, che spesso ci lasciano con l’amaro in bocca, la nostra mente non vuole saperne di passare oltre. Rivisita e rivaluta tutti gli errori, analizza ogni più piccola sfumatura e riavvolge il nastro nella speranza che tutto possa tornare come prima.

Leggi tutto »

Dieci falsi miti sulla chirologia

Più o meno tutti sappiamo che le mani si possono leggere, ma non tutti sanno come.

La lettura delle mani vanta una storia molto antica; i primi riferimenti risalgono addirittura a 5000 anni fa e si trovano contenuti nei testi vedici indiani. Nel corso del tempo questa pratica si è evoluta notevolmente ma ha anche portato con sé alcuni falsi miti!

Leggi tutto »

Catrame e cemento

«Catrame e cemento» era quello che il ragazzo della via Gluck trovava ritornando alla sua vecchia cascina della periferia milanese, ai limiti della città che cresceva, e non trovando più il verde si chiedeva «perché continuano a costruire le case / e non lasciano l’erba».

Leggi tutto »

Imparare a dire no!

«Dottoressa, non sono proprio capace di dire di no; dico di sì a tutto ciò che gli altri mi chiedono e poi non rimane niente per me».
Questa frase emersa in terapia, da sola, dice tutto.

Leggi tutto »

Programmazione Neurolinguistica (PNL) e il potere che non sapevi di avere

È curioso l’approccio che abbiamo con la felicità. Siamo alla ricerca di qualcuno che ci dica come vivere meglio, che ci dia una frase, una routine, un esercizio, un qualcosa che sia la soluzione ai nostri problemi. Ma forse il problema sta proprio lì, in quel modo di pensare. E se cerchi nel posto sbagliato è difficile trovare una risposta.

Leggi tutto »